Tecniche adesive dirette ed indirette: problemi clinici e relative soluzioni - Prof.Giachetti - Dr.Becciani - Dr.Saracinelli - Dr.Bertini

EVENTO ACCREDITATO CON 4 CREDITI ECM

Il corso si propone di aggiornare i partecipanti sulle più recenti tecniche restaurative dirette ed indirette. Il corso si prefigge inoltre lo scopo di illustrare come un’odontoiatria realmente “conservativa” sia la vera novità dell’ultimo decennio e di come, in quest’ottica, devono essere utilizzate le tecniche conservative adesive e protesiche più recenti. Nel corso della giornata verranno mostrate le modalità terapeutiche, le sistematiche attualmente disponibili ed i materiali più recenti per una odontoiatria restaurativa diretta ed indiretta all’insegna della predicibilità ma anche e soprattutto della semplicità. Durante il corso saranno mostrati i dati bibliografici più aggiornati relativamente agli argomenti trattati. L’innegabile vantaggio offerto dalle tecniche restaurative adesive più recenti non è solo quello di ottenere restauri dall’ottima integrazione estetica ma piuttosto di raggiungere questo risultato con il massimo risparmio di struttura dentale sana. La ridotta asportazione di struttura consente, a sua volta, di ottenere risultati più predicibili e più stabili nel tempo. Dal punto di vista conservativo elementi che presentano piccole perdite di sostanza o gravi danni strutturali possono essere restaurati con semplicità una volta che siano state apprese, da parte del clinico, le tecniche adesive base dirette ed indirette. Compositi nano-riempiti a diverso grado di translucenza, ceramiche altamente resistenti, sistemi di fresatura CAD-CAM, cementi auto-adesivi, perni in fibra, Maryland Bridge in metallo o ceramica sono alcuni dei materiali estremamente sofisticati che la ricerca ci ha messo a disposizione ma che devono essere ben conosciuti in modo che il loro utilizzo sia adeguato alle diverse necessità cliniche. 
Nel trattare con restauri indiretti il settore anteriore è indispensabile un piano di trattamento che deve prevedere un’attenta analisi estetica e funzionale del paziente oltre che un’adeguata scelta del materiale ceramico. 
Un adeguato bagaglio di conoscenze ed una scrupolosa applicazione permetteranno al clinico di affrontare con semplicità anche situazioni altamente compromesse per ottenere risultati predicibili, ripetibili, altamente estetici e durevoli nel tempo.

PROGRAMMA 
Ore 9.00-9.30 Registrazione partecipanti 

Ore 9.30-11.00 
Dott. Riccardo Becciani 
Restauri indiretti nei sestanti posteriori: quando e come utilizzarli. 
Intarsi in ceramica o composito? 
Analisi strutturale dell’elemento compromesso e relative scelte cliniche. 
La biomeccanica del dente trattato endodonticamente. A cosa fare attenzione. 
La semplicità nel restauro del dente trattato endodonticamente 
La sindrome del dente incrinato: un quesito da risolvere 

Ore 11.00-11.30 Coffee break 

Ore 11.30-13.00 Prof.Luca Giachetti 
Odontoiatria Adesiva, conoscenze di base: 
Adesivi smalto-dentinali - Total-Etch vs Self-Etch: meccanismo d’azione, vantaggi, svantaggi, efficacia. 
Compositi - Quali sono le caratteristiche desiderabili in un composito? 
Come eliminare la sensibilità post-operatoria: 
Contrazione da polimerizzazione e stress da contrazione 
Come ottenere restauri invisibili - i fattori che determinano il successo clinico 
Tecniche di stratificazione per i settori posteriori 
Punto/Area di contatto: come conseguire un buon risultato con metodi semplici e ripetibili 

Ore 13.00-14.00 Pausa Pranzo 

Ore 14.00-15.30 Dott.Fabio Bertini
L’analisi estetica 
Parametri di valutazione estetica: fattori dentali e parodontali 
La composizione facciale 
Criteri di scelta dei restauri indiretti nel settore frontale 
Sistemi per la predicibilità del risultato finale 
Il piano di trattamento nelle ricostruzioni del settore frontale 
La cementazione adesiva 

Ore 15.30-16.00 Coffee break 

Ore 16.00-17.30 Dott. Monaldo Saracinelli 
Perché il restauro minimamente invasivo è la “chiave del successo” nella ricostruzione in composito degli elementi anteriori 
Quanto è importante prendere contatto “fuori dalla bocca”  con i materiali compositi presenti in studio e perché 
Fare propria una tecnica di stratificazione anatomica ripetibile con predicibilità di risultato e mimetizzazione del restauro che ci permetta di affrontare casi clinici apparentemente diversi con un’unica strategia operativa 
Tecnica operativa con gestione della forma attraverso l’uso di mascherine matrici in silicone rigido da laboratorio e di
matrici sezionali trasparenti 
Fasi cliniche di stratificazione anatomica e fasi di rifinitura e lucidatura per ottimizzazione del  risultato clinico finale 

  • DATA:
    Dal 15/05/2010 09:00 Al 15/05/2010 17:30
  • LUOGO:
    Una Hotels & Resort - Via Sergio Bernardini, 335/337 - Lido di Camaiore (LU)
  • QUOTA PARTECIPAZIONE:
    114.00€ Quota di partecipazione IVA INCLUSA
    96.00€ Quota di partecipazione SOCI Cenacolo del Giglio IVA INCLUSA
  • MODALITÁ: CAUSALE: Iscrizione Congresso 15 Maggio 2010
  • BANCA:

    BANCA BCC DEL GARDA
    IBAN:  IT22V0867655310000000182336